Altritaliani
Home > EDITORIALI > EDITORIALI

EDITORIALI

Les edito Altritaliani

Articoli di questa rubrica


La repubblica degli inciuci. (Poteva andare peggio, poteva piovere)

venerdì 19 maggio 2017 di Veleno
Ma che sta diventando questo povero Paese mio ? Mentre nel mondo accadono cose incredibili, si sfiorano guerre nucleari come con la Corea del Nord o l’intero pianeta è sotto un cyber attacco di una nuova criminalità, capace di bloccare interi paesi, con le sue industrie e le sue infrastrutture (...)


Macron, Le Pen e la doccia di sinistra e il bagno di destra. (Le pillole di Puppo)

giovedì 4 maggio 2017 di Maurizio Puppo
La doccia è di sinistra, il bagno di destra. Diceva Giorgio Gaber. Quale sinistra, quale destra? La doccia se vogliamo è una roba moderna, da fighetti, da ceti medio-alti riflessivi. Insomma, come dicono in tanti: da bobò, radical-chic (o champagne socialist). Sarà perché è rapida, quindi ottima (...)


Italy - Editoriale

La democrazia in affanno e le primarie del Partito democratico. (Italy)

domenica 30 aprile 2017 di Emidio Diodato
Agli albori della Seconda Repubblica, prevalse l’idea che alle elezioni politiche il popolo sovrano dovesse esprimersi direttamente sul governo e non solo per eleggere i rappresentanti chiamati a dare in seguito la fiducia all’esecutivo. A poco valsero i tentativi di chi si oppose all’idea, (...)


Ridateci i pacchetti di sigarette di una volta! (Poteva andare peggio, poteva piovere)

martedì 4 aprile 2017 di Veleno
Davvero io di questi morti ammazzati (dal fumo ?) sui pacchetti di sigarette non ne posso più. E’ un errore, un’ipocrisia, una violazione della privacy, una cosa che non sta né in cielo né in terra! In primo luogo è un errore sotto tutti i punti di vista. Come sapete io vivo a Parigi ebbene, da che (...)


La pillola di Puppo

La giusta scuola e la scuola giusta. (Le pillole di Puppo)

giovedì 16 febbraio 2017 di Maurizio Puppo
L’Università, e prima dell’Università il liceo. A voi sembrerà niente, per me era molto, perché son della razza mia : per quanto grande sia, il primo (o quasi) che ha studiato. Nessuno della mia famiglia ci aveva mai messo piede, in quella cavolo di scuola : per generazioni, il liceo era stato la (...)


Italy. L’editoriale di Emidio Diodato.

“Carta inceppata”: il governo Gentiloni spiegato ad un cinese (Italy)

domenica 12 febbraio 2017 di Emidio Diodato
Un attento osservatore, Alessandro Campi, ha sollevato il punto su Facebook: come spieghiamo ad un cinese il governo Gentiloni? Sollecitati da un Ying Zheng a rispondere in merito alla durata dell’esecutivo, cosa diremmo? Certo, potremmo sempre ricorrere alla storia che siamo nella terra di (...)


La pillola di Puppo

La corruzione che ci somiglia. (Le pillole di Puppo)

domenica 18 dicembre 2016 di Maurizio Puppo
Trent’anni fa, al servizio militare. In coda per prendere la cosiddetta “decima”, cioè la paga, la paghetta. A dare i soldi , il signor maresciallo. La caricatura del maresciallo. Con i baffi. Con il panzone. Il sergente Garcia di Zorro insomma. Mi dà i soldi. Esco dalla fureria e mi accorgo che c’è (...)


Un popolo sovrano ed “ignorante”. (Poteva andare peggio, poteva piovere)

sabato 10 dicembre 2016 di Veleno
Francamente, dopo il voto del 4 dicembre, io qualche domanda sulla democrazia comincio a farmela, sperando di non destare scandalo. E’ vero sono un po’ stanco di questa retorica sulla sovranità e peggio sulla infallibilità del popolo, che emette sentenze a maggioranza. Del resto se si parla di (...)


Referendum: Voti dall’Aldilà! (Le pillole di Puppo)

lunedì 28 novembre 2016 di Maurizio Puppo
Vi sono varie stupidate che si possono fare quando si discute, ad esempio, del referendum costituzionale ormai imminente. Tra le più imperdonabili : annettere alla propria causa persone che non hanno più la possibilità di confermare o di smentire. Del tipo : « Che Guevara avrebbe votato NO ! ». (È (...)


Italy, l’editoriale di Emidio Diodato

La grande incertezza. Breve fenomenologia del referendum costituzionale (Italy)

venerdì 11 novembre 2016 di Emidio Diodato
Dopo l’avvio della Grande guerra, gli italiani si divisero subito in due gruppi: coloro che volevano che la neutralità fosse mantenuta sino alla fine della guerra, e che perciò si dicevano neutralisti, e coloro che chiedevano l’intervento a fianco dell’Intesa antigermanica, e che perciò si dicevano (...)


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 4000619

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito EDITORIALI   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->