Altritaliani

Inviare un messaggio

In risposta a:

Cinema

I Premi della 74a Mostra internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

domenica 10 settembre 2017 di Maria Cristina Nascosi Sandri

Una messe di premi molto equilibrata, quella attribuita quest’anno, dalle giurie in generale ed in particolare da quella dei film in concorso presieduta da Annette Bening ‘in’ Warren Beatty – grande assente in Laguna - e composta da Ildikó Enyedi, Michel Franco, Rebecca Hall, Anna Mouglalis, Jasmine Trinca, David Stratton, Edgar Wright e Yonfan – insomma rappresentanti davvero provenienti da tutto il mondo – come ha sottolineato fieramente in apertura di serata la stessa Bening.

Abbiamo visionato tutti i 21 film in concorso – ha aggiunto l’attrice – e con molta armonia e saggezza abbiamo concordato di assegnare i seguenti premi:

Il LEONE D’ORO per il miglior film a THE SHAPE OF WATER di Guillermo del Toro (USA), una pellicola di cui già s’è parlato ieri perché ha meritato il premio FUTURE FILM FESTIVAL Digital Award di Bologna, dato nell’ambito della Mostra del Cinema ed assegnato dalla giuria di giornalisti al film che meglio utilizza animazione, effetti speciali e nuove tecnologie.

Il LEONE D’ARGENTO - GRAN PREMIO DELLA GIURIA a FOXTROT di Samuel Maoz (Israele, Germania, Francia, Svizzera), film dal plot dolente e pieno di umanità, quanto mai up-to-date rispetto alle vicende vissute quotidianamente nel mondo.

LEONE D’ARGENTO - PREMIO PER LA MIGLIORE REGIA a Xavier Legrand per il film JUSQU’À LA GARDE (Francia), un’altra storia ‘figlia del nostro tempo’, una tematica giocata tra violenze domestiche e voglia di ricostruire un futuro, specie per le vittime speciali di queste tragedie ‘entro le mura’, i figli.

La COPPA VOLPI per la migliore attrice a Charlotte Rampling per il film HANNAH di Andrea Pallaoro (Italia, Belgio, Francia).

JPEG - 29.5 Kb
Charlotte Rampling, Colpa Volpi

Molto commossa l’attrice che ormai ha raggiunto una maturità espressiva davvero eccellente.

Devo molto all’Italia – ha affermato stringendo il premio tra le mani – ho iniziato a 22 anni lavorando con Gianfranco Mingozzi (regista ferrarese, nel 1968, in Sequestro di persona, n.d.r.), poi son arrivati Visconti, la Cavani, Peppino Patroni Griffi, per non citarne che alcuni…”.

La COPPA VOLPI per il miglior attore a Kamel El Basha, per l’ottimo film THE INSULT di Ziad Doueiri (Libano, Francia), film di grandissimo e crescente impatto emotivo, davvero A bout de souffle – Fino all’ultimo respiro – per dirla alla Godard.

Il PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a Martin McDonagh per il film THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI dello stesso Martin McDonagh (Gran Bretagna), un lavoro bellissimo interpretato da una Francis McDormand ‘in’ Joel Coen sempre più brava e matura, una coppa Volpi mancata.

Il PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a SWEET COUNTRY di Warwick Thornton (Australia), opera prima definita forse ambiguamente ‘western’, già di buona fattura. Il regista mostra di esser grande conoscitore di cinema, un vero cinéphile: in esso ha inserito la visionarietà delle grandi pellicole americane alla John Ford, collocate in un paesaggio metafisico che ricorda l’ambiente di Picnic ad Hanging Rock, un piccolo capolavoro del 1975 di Peter Weir.

Il PREMIO MARCELLO MASTROIANNI a un giovane attore o un’attrice esordiente a Charlie Plummer per LEAN ON PETE di Andrew Haigh (Gran Bretagna)

Maria Cristina Nascosi Sandri

***

ORIZZONTI CONCORSO – Gianni Amelio presidente Giuria

Premio Orizzonti per il miglior film:
NICO , 1988 di Susanna Nicchiarelli (Italia, Belgio)

Premio Orizzonti per la migliore regia: Vahid Jalilvand
BEDOUNE TARIKH, BEDOUNE EMZA (NO DATE, NO SIGNATURE) (Iran)

Premio Speciale della Giuria Orizzonti:
CANIBA di Verena Paravel, Lucien Castaing-Taylor (Francia)

Premio Orizzonti per la migliore interpretazione maschile: Navid Mohammadzadeh
per BEDOUNE TARIKH, BEDOUNE EMZA (NO DATE, NO SIGNATURE) di Vahid Jalilvand (Iran)

Premio Orizzonti per la migliore interpretazione femminile: Lyna Khoudri
per LES BIENHEUREUX di Sofia Djama (Francia, Belgio, Qatar)

Premio Orizzonti per la migliore sceneggiatura: Dominique Walinski, Renè Ballestreros
per LOS VERSOS DEL OLVIDO di Alireza Khatami (Francia, Germania, Paesi Bassi, Cile)

Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio:
GROS CHAGRIN di Céline Devaux (Francia)

***

VENEZIA CLASSICI – Presidente Giuria Giuseppe Piccioni

Premio Venezia Classici per il miglior film restaurato
IDI I SMOTRI (VA’ E VEDI) (1985) di Elem Klimov (Urss)

Premio Venezia Classici per il miglior documentario sul cinema
THE PRINCE AND THE DYBBUK di Elwira Niewiera, Piotr Rosołowski (Polonia, Germania)

***

Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi de Laurentiis”
JUSQU’À LA GARDE (L’affido) di Xavier Legrand (Francia)

Leone d’Oro alla carriera 2017: Jane Fonda, Robert Redford

Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker Award: Stephen Frears

***

VENICE VIRTUAL REALITY – Presidente John Landis

Miglior VR
Arden’s Wake (Expanded) – Eugene YK Chung

Migliore Esperienza VR (per contenuto interattivo)
La camera insabbiata – Laurie Anderson, Hsin-Chien Huang

Migliore Storia VR (per contenuto lineare)
Bloodless - Gina Kim

Andrea Curcione


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 4227743

Monitorare l’attività del sito it    ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->