Altritaliani

Inviare un messaggio

In risposta a:

Palazzo Zevallos Stigliano, una casa tutta nuova per l’arte napoletana.

Alla presenza di Giorgio Napolitano si rinnova a Napoli Palazzo Zevallos.

venerdì 20 giugno 2014 di Raffaele Bussi

E’ con grande soddisfazione che riapriamo oggi le porte delle Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano, per presentarle ai cittadini di Napoli in una nuova veste, ha esordito il professore Giovanni Bazoli, presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa San Paolo alla presentazione dell’evento presente il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

JPEG - 26.9 Kb

Le Gallerie dello storico palazzo di via Toledo, sono state riallestite per la valorizzazione di un nucleo di oltre centoventi opere, attraverso le quali è possibile ripercorrere le vicende fondamentali delle arti figurative a Napoli, in un arco di tempo che dagli inizi del Seicento si spinge fino ai primi anni del Novecento. Questo nuovo intervento si inserisce nell’ambito di Progetto Cultura, il programma pluriennale che pianifica le attività di Intesa San Paolo in campo artistico e culturale.

L’iniziativa più ambiziosa elaborata dal Progetto è stata la creazione delle Gallerie d’Italia, la rete dei poli museali e culturali della Banca presenti sul territorio nazionale cui appartengono, accanto alle Gallerie partenopee, le Gallerie di Palazzo Leoni Montanari a Vicenza e quelle di piazza Scala a Milano. Il nuovo allestimento di Palazzo Zevallos Stigliano, secondo il progetto espositivo curato da Fernando Mazzocca, arricchisce le Gallerie con gruppi di opere di grande significato storico e valore artistico, appartenenti al contesto culturale del Sud d’Italia, e in particolare di ambito napoletano, provenienti dalle raccolte costituite dagli istituti di credito, per la maggior parte del Banco di Napoli e della Banca Commerciale Italiana, confluite poi in Intesa San Paolo.

Il nuovo itinerario museale si articola in spazi più estesi, sette sale rispetto alle tre precedenti, e propone una raccolta di opere della pittura a Napoli nel corso del Sei-Settecento fino agli inizi del Novecento a partire da Caravaggio ad Artemisia Gentileschi a Bernardo Cavallino, Luca Giordano, Francesco Solimena, Gaspare Traversi, l’olandese Gaspar von Wittel, alla Scuola di Posillipo, a Pitloo, Giaginto Gigante, Gabriele Smargiassi, Palizzi, Morelli, Mancini, Migliaro fino alle opere di Gemito (terracotte, bronzi, disegni ed acquerelli) che formano un insieme artistico di altissima qualità.

Maurizio Barracco, presidente del Banco di Napoli, ha ricordato come il Progetto rappresenti una riqualificazione culturale per Napoli e ripristina un legame storico tra le Banche e la Cultura interrotto alla fine del secolo scorso, rimettendo al suo posto un tassello importante della storia della città. La riapertura e la riqualificazione delle Gallerie di Palazzo Zevallos mette a disposizione dei cittadini uno spaccato importante della loro storia culturale e la civiltà di un Paese, di una Città – ha concluso Barracco – si misura dall’accesso dei cittadini alla cultura.

JPEG - 40.1 Kb
Professor Bazoli con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in visita all’inaugurazione delle Gallerie

Il Presidente Napolitano, nel prendere la parola, ha ricordato che il nuovo sviluppo del Mezzogiorno è legato anche ad eventi come questo in una città Napoli che è ricca di tesori e dispone di risorse del tutto insospettate. Un patrimonio artistico quello partenopeo che dovrebbe godere di una fruibilità continua. Musei sempre aperti, ha suggerito ed auspicato il capo dello Stato, un modo ed un approccio per parlare in modo adeguato alle giovani generazioni affinché siano esse artefici di un futuro che proietti il Paese e soprattutto il Mezzogiorno in modo adeguato nel contesto socio-economico e culturale delle grandi democrazie.

Una splendida giornata per Napoli, un monito per quanti nei palazzi del potere non sono in grado di assicurare alla Città di Napoli momenti di prestigio quale l’Evento di oggi.

.

.

Raffaele Bussi


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.