Altritaliani

Trump, Mieli e l’Unesco. Il caos.

domenica 15 ottobre 2017 di Emidio Diodato

Elzeviro. Dopo l’elezione di Donald Trump il mondo democratico si è interrogato.

Come è possibile che un personaggio di tale bassa qualità intellettuale e politica diventi presidente eletto negli Stati Uniti? Senza dubbio la democrazia americana ha retto molto bene. A differenza di altri paesi occidentali, il sistema dei partiti non è stato messo in discussione. Inoltre l’equilibrio dei poteri tra parlamento e presidenza è rimasto inalterato. Ma la politica estera ha subito un colpo.

L’aggressività mostrata nel caso siriano, in quello coreano e poi rispetto all’accordo con l’Iran, mette in campo un elemento di rischio di gravità inaudita. Tra 12 e 13 ottobre 2017 Trump ha comunicato che gli Stati Uniti lasceranno l’Unesco e abbandoneranno l’accordo sul nucleare con l’Iran. Sono due passi che minano alla fondamenta le Nazioni Unite.

Sul Corriere della Sera, Paolo Mieli ha difeso la decisione americana di abbandonare l’Unesco. I suoi motivi sono basati su questioni molto serie che riguardano il popolo ebraico e Israele. Mieli attacca l’Italia e la sua politica estera accusandola di miopia. Ma è lui che guarda solo al suo ombelico. (Vedi: Le troppe distrazioni dell’Italia sull’Unesco)

L’aspetto più triste è vedere che oramai non c’è modo di ragionare serenamente sul mondo. Ognuno per la sua strada. Regni il caos.

Post scriptum: auguri di buon lavoro ad Audrey Azoulay*

Emidio Diodato
Associate Professor of Political Science and International Politics
Università per Stranieri di Perugia

*La francese Audrey Azoulay è stata scelta per dirigere l’Unesco al posto dell’uscente direttrice bulgara Irina Bokova.


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 153 / 4358963

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito EDITORIALI  Monitorare l’attività del sito Italy   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->