Altritaliani

Corto Maltese, 50 anni di avventure… e non si può smettere di fumare

sabato 12 agosto 2017 di Armando Lostaglio

Compie cinquant’anni Corto Maltese, con la sua sigaretta e il profilo dell’antieroe che viaggia come un Ulisse senza tempo. Personaggio “cult” della migliore novella grafica europea, il fumetto nato dalla matita del grande veneziano Hugo Pratt, morto più di 20 anni fa, diventa mito letterario del secolo scorso, e di quei ragazzi che hanno amato viaggiare anche solo con la fantasia.

L’ironico marinaio sa coniugare quell’aspetto puramente mediterraneo a una cultura diremmo anglosassone, cemento basilare in quegli anni che precedevano le grandi contestazioni giovanili.

JPEG - 34.8 Kb
Siamo avidi di eroi senza bandiera, con il solo vessillo del proprio cuore.

Corto, alla ricchezza preferisce libertà e fantasia, e appunto quei giovani nutrivano l’ambizione della “fantasia al potere” che non era solo uno slogan da piazza, quanto una volontà di scardinare polverosi sistemi di potere (appunto) che dalla politica alla famiglia avevano ingessato generazioni intere. E nel suo piccolo (o grande) mondo Corto Maltese lo ha saputo interpretare, facendo dell’avventura il suo metro di misura di una generazione che ambiva al cambiamento. E proprio quella sua sigaretta, quel suo fumetto che saliva dal profilo genuino e astuto ad un tempo, ha rievocato una canzone di qualche lustro dopo, “Non si può smettere di fumare”, datata 1982, scritta da Gianfranco Manfredi, eclettico scrittore e sceneggiatore, insieme ad un ormai poco noto Ricky Gianco, fra i fondatori del Clan di Celentano, autore e cantante di brani stupendi.

“… E non si può smettere di fumare / e non si può smettere di sognare / e non rinunceremo a fare nuovi errori / e non possiamo smettere di uscire fuori.

Il mare sta arrivando verso il continente / il mare sta cantando il canto della gente / allenerò l’udito per sentire ancora / il suono del silenzio prima dell’aurora…”

JPEG - 27.9 Kb
Quando parto per un viaggio non so quello che troverò ma cerco sempre qualcosa e infallibilmente la trovo (Hugo Pratt)

Quanto è attuale questa canzone, quanto sono lungimiranti i poeti, quanto sono immensi i sognatori, e quei fumatori di chimere destinati al mito: da Corto Maltese ad Humphrey Bogart e Rita Hayworth, Simenon e la sua pipa come Günther Grass e Enzo Bearzot, con le sigarette di Omar Sivori, la stanza fumosa di Camilleri; e poi il sigaro di Clint Eastwood sul viso disegnato da Sergio Leone, il sigaro di Mario Soldati.

Cosa sarebbe la vita senza il piroscafo di Corto Maltese, e a bordo i tanti Ulisse senza tempo?

Armando Lostaglio

N.d.r. : A Parigi, la Gare d’Austerlitz gli rende omaggio in diversi spazi della stazione, fino al 31 ottobre 2017 (pero senza la sua leggendaria sigaretta che non sembra più ritenuta "politically correct"!).

Le immagini di Corto Maltese sono pubblicate per gentile concessione di Cong S.A., Grandvaux (CH)


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 8498 / 4287596

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->