Altritaliani
Origami

Un libro per questo Natale 2016

giovedì 15 dicembre 2016 di Carla Cristofoli

“Gli scrittori leggono?”, pare proprio di sì, almeno gli scrittori recensiti nella nostra rubrica Origami! A loro abbiamo chiesto di consigliarci un libro da regalare per questo Natale. Ed ecco a voi i loro consigli di lettura: biografie, memorie, grandi storie di famiglia, di società, di emigrazione, una preziosa antologia il cui ricavato andrà in aiuto ai terremotati del centro Italia. Non c’è che l’imbarazzo della scelta. Eccoli qui i nostri libri, questi graziosi pacchetti infiocchettati, propio qui, sotto l’albero di Natale!

***

Lisa Ginzburg ha letto e consiglia …

IL BAMBINO NELLA NEVE di Wlodek Goldkorn, Feltrinelli.

Un libro che mi ha impressionato e toccato molto. Il viaggio di un uomo tra le atmosfere spettrali dei campi di sterminio - Auschwitz "grande cimitero di famiglia", e non solo. Un racconto sincopato, intessuto di emozioni, contrappuntato di fotografie. Teso, commovente, essenziale, vero. Un capitolo di storia di cui poco si sa (la Polonia comunista, dove tra lacerti di "impossibile" memoria della Shoah, un altro antisemitismo prende corpo). Uno scrivere spaziando tra storia e memoria, sino a trasformare il dolore della propria vicenda privata in qualcosa di più vasto, condivisibile. Che resta dentro.

Di Lisa Ginzburg trovate qui in Origami la recensione al suo La guerriera, ma il suo ultimo lavoro è "Spietati i Mansueti", una raccolta di racconti edita da Gaffi.

"In una Parigi scorticata del suo romanticismo, Lisa Ginzburg dipinge l’intimità di persone dai più e meno controversi destini. Gente la cui vita si complica sul filo della medesima domanda: chiunque fossimo, potremmo esserlo di nuovo?"

***

Costanza Savini ha letto e consiglia …

UN’EREDITÀ DI AVORIO E D’AMBRA di Edmund de Waas, Ed. Bollati Boringhieri.

Seduce in questo libro la ricostruzione della storia di una grande famiglia, quella dell’ autore, attraverso "piccole, spietate esplosioni di esattezza", come le definisce de Waal: 264 piccole sculture giapponesi di avorio o legno, raffiguranti divinità, personaggi bizzarri e grotteschi, animali e piante meravigliose. Uno strepitoso viaggio, di secolo in secolo, attraverso palazzi, città e regimi, una sorta di danza della vita attraverso cui, l’autore, ricolloca il senso delle sue origini nel gioco continuo delle vite e delle forme.

Di Costanza Savini qui in Origami trovate recensito il suo splendido "Ismail e il grande coccodrillo del mare", edito da Eunoedizioni. Altro libro che vi consigliamo di leggere e regalare senza moderazione!

***

Cosimo Argentina ha letto e consiglia ...

ADDIO A TUTTO QUESTO di Robert Graves, Ed. Adelphi.

In riferimento a un libro da consigliare senza dubbio segnalo l’ultimo che ho letto, "Addio a tutto questo" di Robert Graves, già poeta inglese. Ma questo non è un libro di poesie, bensì un romanzo biografia. Pur essendo un libro datato è uscita di recente una nuova edizione da Adelphi. Bisogna superare le prime cento pagine, dove Graves ci parla della sua famiglia, dei nonni, bisnonni, di come si sono conosciuti la madre e il padre, eccetera eccetera, ma a un certo punto... eccoci sulla Somme, Francia settentrionale, 1914. E lì Graves con uno stile asciutto ci mostra l’orrore, la compassione, la tragedia, il dolore, la sofferenza e i rari momenti di gioia, l’amicizia e tutto il resto. Non ha bisogno di inventare e infiocchettare nulla, Graves, perché lui c’era, lì, in trincea. Il nitore di certe pagine è straziante. Una forza narrativa che fa a pezzi decine e decine di libri che ho letto.

Di Cosimo Argentina qui in Origami trovate una recensione sul suo "L’umano sistema fognario". Il suo ultimo lavoro è Le tre resurrezioni di Sisifo Re (Meridiano Zero), fresco fresco di stampa!

***

Massimo D’Orzi ha letto e consiglia …

ATTI OSCENI IN LUOGO PRIVATO di Marco Missiroli, Feltrinelli.

C’è una letteratura che tenta di fotografare il mondo così com’è, farlo entrare tutto nella pagina, e poi ci sono quei libri che al contrario tentano di indagare in profondità anche nelle viscere del suo stesso autore. Marco Missiroli racconta la sua storia attraverso la pelle sua e quella di chi è venuto in contatto con lui. Soprattutto le donne. Basta leggere gli incipit dei capitoli che compongono Atti osceni in luogo privato.

Infanzia: Avevo dodici anni e un mese, mamma riempiva i piatti di cappelletti e raccontava di come l’utero sia il principio della modernità. Versò il brodo di gallina e disse - Impariamo dalla Francia con le sue ondate di suffragette che hanno liberalizzato le coscienze.
- E i pompini.
Adolescenza: Per qualche tempo mi concentrai sul mio sperma e su Dio
Giovinezza: Papà morì in Autunno
Maturità: Partii un mese dopo. Stipai i miei ventitré anni nella Spalding e in due sacche da marinaio...
Adultità: Ho sposato Anna per amore e per come scopa
Nascita: Mamma si era aggravata.

Non tutto è riuscito in questo romanzo di formazione. Ma la forza sta nell’urgenza, nell’aver sentito la necessità di scriverlo un libro così. E nel fatto che ti rimane addosso. Tutto è inventato in questo romanzo autobiografico, ma non per questo è meno vero.

Di Massimo D’orzi trovate qui in Origami un’intervista per il suo ’Tempo imperfetto’, edizioni L’Asino D’oro.

***

Fiorenzo Caterini ha letto e consiglia …

MIA FIGLIA FOLLIA di Savina Dolores Massa, Ed Il Maestrale e Les Éditions de L’Ogre per la traduzione in francese.

Per questo Natale suggerirei un libro di un’autrice sarda, che è stato recentemente tradotto in Francia, "Mia Figlia Follia" di Savina Dolores Massa, è il capolavoro di una scrittrice che tratteggia una sequenza di personaggi ciascuno con una profonda simbologia, in un vortice dove la follia risulta essere, forse, l’elemento più coerente.

Di Fiorenzo Caterini qui in Origami trovate una recensione sul suo saggio "Colpi di scure e sensi di colpe", edito da Carlo Delfino Editore, sul fenomeno del disboscamento in Sardegna.

***


Emma Fenu ha letto e consiglia …

VEGLIA: 24 AGOSTO 2016, AA.VV, Illustrazioni di Serena Mandrici.

Questo libro non è come tutti gli altri. È un grido di speranza. Nato da una semplice idea e proposto dal gruppo Facebook “Letteratura al femminile”. “Veglia” ha riscontrato in breve tempo l’appoggio di autori di tutta Italia, fino ad arrivare all’orizzonte francese. È un modo per sentirsi vicini alle popolazioni colpite dal terribile sisma nel Centro Italia.

Un’iniziativa diversa per rendersi utili e contribuire alla ricostruzione: l’intero ricavato sarà donato ai centri di raccolta.

"Veglia" parte dalla brutalità della catastrofe suddividendosi poi in altre due sezioni: “Speranze naufraghe” e “Speranze”. Ad aprire la raccolta è la poesia delle poesie, il componimento a cui è ispirata l’intera antologia.

Di Emma Fenu qui in Origami trovate un’intervista sul suo "Vite di madri". Il suo ultimo lavoro è "Le dee del miele".

***

Lorenzo Cecchi ha letto e consiglia …

EMIGRANTI ESPRÈSS di Mario Perrotta, Fandango libri.

Libro letto recentamente che mi è rimasto molto impresso. La narazione è sensibile e mi sento molto vicino al suo modo di scrivere. Romanzo bellissimo, che parla dell’emigrazione. Mi è stato regalato l’anno scorso per fine anno. Mi è capitato due settimane fa per caso, cercando “Les oncles de Siciles” di Leonardo Sciascia nella biblioteca. L’avevo completamente dimenticato. Forse perché è scritto in italiano... e gli emigrati fanno figli all’estero, e questi figli ... Scoperta magnifica per me. Un autore magnifico.

Di Lorenzo Cecchi qui in Origami trovate una recensione al suo "Faux témoignages". Il suo ultimo lavoro è "Contes espagnols", una raccolta di racconti, illustrati da Jean-Marie Molle, editi da Cactus Inebranlable Editions.

***

Poiché a molti dei nostri lettori piace leggere "italiano", ma in francese, allora per accontetare tutti, abbiamo chiesto consiglio alla nostra amata libraia Florence Raut de La Libreria. Ed ecco qui alcuni degli autori italiani tradotti in francese in questo 2016:


L’AFFREUSE EMBROUILLE DE VIA MERULANA de Carlo Emilio Gadda, Ed. Seuil.

Auter: Carlo Emilio Gadda.
Titre original : Quer pasticciaccio brutto di via merulana.
Traducteur : Jean-Paul Manganaro.

Dans un immeuble cossu de via Merulana à Rome, les bijoux d’une comtesse vénitienne ont été dérobés ; et voilà qu’on retrouve la belle Liliana Balducci assassinée de façon sanglante. Les enquêteurs sont sur les dents : indices, poursuites, interrogatoires… un vrai roman policier. Mais pour le nonchalant commissaire Ingravallo, chaque effet a une multitude de causes, chacune en cachant d’autres. Et dans le cas d’un crime, aucun des courants qui convergent dans ce tourbillon ne peut être négligé.

***


SUR CETTE TERRE COMME AU CIEL de Davide Enia, Ed. Albin Michel.

Auteur : Davide Enia.
Titre original : Cosi in terra.
Traducteur : Françoise Brun.

Palerme, années 1980. Comme tous les garçons de son âge, Davidù, neuf ans, fait l’apprentissage de la vie dans les rues de son quartier. Amitiés, rivalités, bagarres, premiers émois et désirs pour Nina, la fillette aux yeux noirs qui sent le citron et le sel, et pour laquelle il ira jusqu’à se battre sous le regard fier de son oncle Umbertino. Car si Pullara, Danilo, Gerruso rêvent de devenir ouvrier ou pompiste comme leurs pères, Davidù, qui n’a pas connu le sien, a hérité de son talent de boxeur. Entre les légendes du passé et les ambitions futures, le monde des adultes et la poésie de l’enfance, Davide Enia, finaliste du prix Strega, tisse le destin d’une famille italienne, de l’après-guerre aux années 90, à travers trois générations d’hommes dont le jeune Davidù incarne les rêves. Entremêlant leurs histoires avec brio, il dresse un portrait vibrant de sa terre, la Sicile, et de ceux qui l’habitent.

***


LE PAYS QUE J’AIME de Caterina Bonvicini, Gallimard

Auter: Caterina Bonvicini.
Titre original : Correva l’anno del nostro amore.
Traducteur : Lise Caillat.

Valerio et Olivia grandissent ensemble dans la magnifique villa de la famille Morganti, à Bologne : Olivia est l’héritière des Morganti, de riches entrepreneurs du bâtiment, et Valerio est le fils du jardinier. Après avoir partagé une enfance de rêve, ils ne cessent de se séparer, de se retrouver, puis de se perdre de nouveau. Valerio suit d’abord sa mère à Rome quand celle-ci quitte son père. Plus tard, alors qu’ils sont étudiants, c’est Olivia qui part à Paris pour échapper aux disputes de son clan. Chacun d’eux est animé de forces centrifuges qui les empêchent de poursuivre leur relation, aussi sincère que burlesque. Valerio est ambitieux et poursuit le rêve de devenir magistrat, Olivia, elle, tente désespérément de trouver son chemin. Autour d’eux, c’est toute l’Italie berlusconienne qui tangue comme un bateau ivre et avance inexorablement vers un naufrage tragicomique. Le pays que j’aime parcourt l’histoire italienne récente, de 1975 à 2013, à travers le destin d’un couple, d’une famille et de toute une société.

***


LES INCENDIÉS de Antonio Moresco, Ed. Verdier.

Auter: Antonio Moresco.
Titre original : Gli incendiati.
Traducteur : Laurent Lombard.

Un homme décide de fuir la sombre et douloureuse gangue qui lui tient lieu d’existence. Il renonce à tout. Après une longue errance en voiture, il finit par trouver refuge dans un hôtel au bord de la mer où il vit caché. La touffeur de l’été enflamme l’air. De petits feux explosent, çà et là, au long de la côte. Une nuit, un épouvantable incendie menace l’hôtel. L’homme parvient à se sauver sur une falaise désertique d’où il observe le terrible spectacle. Soudain, une femme aux dents d’or aussi merveilleuse que mystérieuse apparaît dans son dos, lui murmure que c’est pour lui qu’elle a incendié le monde et, avant de disparaître, lui demande s’il veut brûler avec elle. Obsédé par cette rencontre, il se lance à sa recherche.

***

Non ci resta che augurarvi buona lettura, ma soprattutto Buon Natale!

La rubrica "Origami" (clicca sul link) è uno spazio dedicato alla lettura e alla analisi di libri che sappiano raccontare la realtà italiana attuale. Il desiderio è quello di trovare, tra le pieghe di questo grande origami che è l’Italia di oggi, l’elemento ’letterario’ che ci aiuti a sbrogliare l’intricata matassa del nostro vivere quotidiano.
Una rubrica a cura di Carla Cristofoli.
Contatto per sottoporre ad Altritaliani un nuovo libro: carla@unbrinditalien.com


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 816 / 4405062

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE  Monitorare l’attività del sito Origami   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->