Altritaliani
Cinema

Venezia 73. Roberto Andò presidente della Giuria Classici restaurati.

sabato 23 luglio 2016 di Maria Cristina Nascosi Sandri

La 73. Mostra Internazionale del Cinema di Venezia si terrà al Lido dal 31 agosto al 10 settembre 2016, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta. Il prossimo 28 Luglio sarà presentato il programma ufficiale; vi anticipiamo l’elenco dei titoli selezionati nella Sezione dei film restaurati di Venezia Classici. Il regista Roberto Andò sarà il Presidente della Giuria di studenti di cinema che premieranno questi film riportati a nuova vita. Anche quest’anno Altritaliani seguirà il festival giorno per giorno.

Una sezione a latere del Festival, ma importante, sarà presieduta dal regista italiano Roberto Andò (Le confessioni, Viva la libertà, Il manoscritto del principe): si tratta della Giuria di studenti di cinema che per la quarta volta assegnerà i Premi Venezia Classici per il miglior film restaurato e per il miglior documentario sul cinema.

E’ un ottimo esempio di autentica Didattica del Cinema, questa ancor giovane sezione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia che prende in considerazione pellicole di assodato valore artistico e storico, ad un tempo.

Dal 2012 presenta alla Mostra in anteprima mondiale, con crescente successo, una selezione dei migliori restauri di film classici realizzati nel corso dell’ultimo anno da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo. Curata da Alberto Barbera con la collaborazione di Stefano Francia di Celle, Venezia Classici offre, inoltre, una selezione di documentari sul cinema ed i suoi autori.

Tra i molti, imperdibili capolavori restaurati di Venezia Classici della 73a Mostra, saranno ad esempio presentati: L’argent di Robert Bresson (1983), La battaglia di Algeri di Gillo Pontecorvo (1966), Il ladro di Parigi di Louis Malle (1965), La leggenda della montagna di King Hu (1979), Un lupo mannaro americano a Londra di John Landis (1981), Manhattan di Woody Allen (1979), Oci Ciornie di Nikita Michalkov (1987), L’uomo dei cinque palloni di Marco Ferreri (1965), Zombi di George A. Romero (1978)

JPEG - 35.8 Kb
Roberto Andò, foto Lia Pasqualino

La Giuria presieduta, come si diceva, da Roberto Andò è composta da 26 studenti indicati dai docenti - dell’ultimo anno dei corsi di cinema delle università italiane, dei DAMS e della veneziana Ca’ Foscari.

Questo l’elenco dei titoli di Venezia Classici selezionati per la 73a Mostra:

  • 1848
    di Dino Risi (Italia, 1948, 11’, B/N)
    restauro: Archivio Nazionale Cinema Impresa-CSC-Cineteca Nazionale e Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano
  • An American Werewolf in London [Un lupo mannaro americano a Londra]
    di John Landis (Gran Bretagna, 1981, 137’, Colore)
    restauro: Universal Studios
  • L’argent (Money) [Il denaro]
    di Robert Bresson (Francia, Svizzera, 1983, 83’, Colore)
    restauro: MK2
  • La battaglia di Algeri [The Battle of Algiers]
    di Gillo Pontecorvo (Italia, Algeria, 1966, 121’, B/N)
    restauro: Cineteca di Bologna e Istituto Luce - Cinecittà in collaborazione con Surf Film Srl e Casbah Entertainment
  • The Brat [La trovatella]
    di John Ford (Stati Uniti, 1931, 65’, B/N)
    restauro: The Museum of Modern Art e The Film Foundation
  • Break up - L’uomo dei cinque palloni (The Man with the Balloons)
    di Marco Ferreri (Italia, Francia, 1965, 85’, B/N)
    Restauro: Cineteca di Bologna e Museo Nazionale del Cinema in collaborazione con Warner Bros
  • Dawn of the Dead - European Cut [Zombi]
    di George A. Romero (Stati Uniti, Italia, 1978, 116’, Colore)
    restauro: Koch Media in collaborazione con Norton Trust e Antonello Cuomo
  • Manhattan
    di Woody Allen (Stati Uniti, 1979, 97’, B/N)
    restauro: Park Circus, Metro Goldwyn Mayer

JPEG - 36.4 Kb
Dal film Oci Ciornie (Dark Eyes)

  • Oci Ciornie (Dark Eyes)
    di Nikita Michalkov (Italia, URSS, 1987, 144’, Colore)
    restauro: Istituto Luce-Cinecittà e CSC-Cineteca Nazionale in collaborazione con Viggo
  • The Ondekoza
    di Kato Tai ( Giappone 1979, 107’, Colore)
    restauro: Shochiku Co., Ltd.
  • Opfergang (The Great Sacrifice) [La prigioniera del destino]
    di Veit Harlan (Germania, 1942-1943, 97’, Colore)
    restauro: Friedrich Wilhelm Murnau Stiftung
  • Pretty Poison [Dolce veleno]
    di Noel Black (Stati Uniti, 1968, 89’, Colore)
    restauro: 20th Century Fox
  • Processo alla città (The City Stands Trial)
    di Luigi Zampa (Italia, 1952, 99’, B/N)
    restauro: CSC-Cineteca Nazionale e Gaumont in collaborazione con Astrea. Sentimenti di giustizia
  • Profumo di donna (Scent of a Woman)
    di Dino Risi (Italia, 1974, 105’, Colore)
    restauro: CSC-Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà in collaborazione con Dean Film
  • Shanzhong Chuanqi (Legend of the Mountain) [La leggenda della montagna]
    di King Hu (Hong Kong, 1979, 184’, Colore)
    restauro: Taiwan Film Institute
  • Shichinin no Samurai (Seven Samurai) [I sette samurai]
    di Akira Kurosawa (Giappone, 1954, 207’, B/N)
    restauro: Tōhō
  • Stalker
    di Andrej Tarkovskij (URSS, 1979, 162’, B/N, Colore )
    restauro: Mosfilm (produttore del restauro Karen Shakhnazarov)
  • Tutti a casa (Everybody Go Home!)
    di Luigi Comencini (Italia, Francia, 1960, 115’, B/N)
    restauro: Filmauro e CSC-Cineteca Nazionale
  • Twentieth Century [XX secolo]
    di Howard Hawks (Usa, 1934, 91’, B/N)
    restauro: Sony Pictures
  • Le Voleur (The Thief of Paris) [Il ladro di Parigi]
    di Louis Malle (Francia, Italia, 1965, 122’, Colore)
    restauro: Gaumont

A completamento della sezione Venezia Classici, verrà presentata una selezione di documentari sul cinema ed i suoi autori. L’elenco completo della sezione sarà reso noto nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma della Mostra di Venezia, che si terrà a Roma giovedì 28 luglio.

***

*Roberto Andò, uno scrittore, un regista

JPEG - 20.4 Kb
Roberto Andò

Nato a Palermo nel 1959, Andò, dopo aver seguito studi filosofici, giovanissimo, collabora come assistente alla regia con Francesco Rosi e Federico Fellini, e, in seguito, con Michael Cimino e Francis Ford Coppola. Decisivo è l’incontro con Leonardo Sciascia, con cui stringerà legami di profonda amicizia, e da cui sarà avviato alla scrittura.

Ma il suo primo romanzo, Il trono vuoto, edito da Bompiani vinse il prestigioso premio Campiello Opera Prima.

Le sue regie, per il teatro, l’opera e il cinema, lo hanno reso noto al pubblico italiano e internazionale. Importante il suo sodalizio con Harold Pinter - uno degli Angry Young Men, gli scrittori e scenegiatori inglesi che tra i Fifties ed i Sixties rimaneggiarono teatro e cinema inglese, di loro fu ammiratore e seguace anche Michelangelo Antonioni - di cui metterà in scena Anniversario, La stanza, e Vecchi tempi, prima versione italiana autorizzata dal grande drammaturgo dopo la contestata regia del 1972 di Luchino Visconti. Al grande commediografo inglese è rivolto anche un importante film-ritratto, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, un documentario che chiude un trittico di film dedicati ai suoi maestri: Memory Loss, incentrato sul regista Robert Wilson, Il cineasta e il labirinto, una conversazione con l’amico e mentore Francesco Rosi, Vivere è difendere la forma, sul grande compositore viennese Anton Webern.

Tra gli spettacoli di prosa di Andò son da ricordare quelli creati a quattro mani con Moni Ovadia, Diario ironico dall’esilio, Il caso Kafka, Le storie di Keuner da Bertoldt Brecht, Shylock, ovvero il Mercante di Venezia in prova, da William Shakespeare, e le installazioni-spettacolo Natura morta per i diritti umani, da testi di Umberto Eco, Paul Auster, Jean Baudrillard, con Isabelle Huppert, Proprio come se nulla fosse avvenuto, da Anna Maria Ortese, con Anna Bonaiuto, Vincenzo Pirrotta, Maria Nazionale.

Tra le sue regie d’opera, sono da ricordare Norma di Vincenzo Bellini, Le Martyre de Saint S2bastien di Debussy, Il sopravvissuto di Varsavia di Arnold Schoenberg (Harvey Keitel come voce recitante), La madre invita a comer di Luis De Pablo (Biennale di Venezia), Il Flauto Magico di Mozart, L’olandese volante di Richard Wagner.

Tra i suoi film di maggior rilievo: Diario senza date, con Bruno Ganz, Lorenza Indovina, Franco Scaldati, Moni Ovadia; Il manoscritto del principe con Michel Bouquet, Laurent Terzieff, Jeanne Moreau, Paolo Briguglia, Leopoldo Trieste; Sotto falso nome, con Daniel Auteuil, Anna Mouglalis, Michel Lonsdale, Greta Scacchi; Viaggio segreto, con Alessio Boni, Valeria Solarino, Donatella Finocchiaro, Claudia Gerini, Emir Kusturica; lo splendido ed emblematico Viva la libertà con Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Valeria Bruni Tedeschi, Michela Cescon, Anna Bonaiuto; Le Confessioni con Toni Servillo, Connie Nielsen, Daniel Auteuil, Pierfrancesco Favino, Marie Josèe Croze, Moritz Bleibtreu. Film presentati nei maggiori festival del mondo, oltreché premiati con importanti riconoscimenti internazionali e nazionali.

Maria Cristina Nascosi Sandri


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 304 / 3871523

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE  Monitorare l’attività del sito Cinema  Monitorare l’attività del sito Venezia 73.   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->